Sfogo sgrammaticato pomeridiano

Cosa c’è di più noioso ed ingombrante di una donna piagnucolosa che si lamenta che le cose non vanno?

Lasciatemi, però piagnucolare un po’ qui: chiedo scusa ad amici e sconosciuti. Comincio: ultima possibilità di abbandonare la nave, il post, il blog, fate voi.

 Ho discusso con gli studenti, mi sono lasciata affliggere dalla loro demotivazione, ho fatto confronti con gli studenti degli anni passati, mi sono lasciata invadere dalla malinconia e dalla sensazione angosciante di stare su una strada dove non vedo dove sto andando e neanche riesco a frenare ma so solo che sono su una scogliera e giù, in fondo al dirupo c’è il mare, mi sono lasciata afferrare dalla sensazione quasi di pace quando ti accorgi di essere già caduta giù nel vuoto dove non hai più da affannarti perché non puoi fare più niente per fermare la tragedia. ho incontrato in mezzo alla mia tristezza una donna su una carrozzina senza le due gambe e mi sono sentita un verme. E subito dopo, un’altra raccontava al venditore ambulante che le era morto il marito dopo 4 anni che era infermo, e poi il figlio e adesso il genero aveva abbandonato la figlia. E mi sono sentita ancora un vermiciattolo strisciante. Ho scoperto che le mie colleghe non stanno bene con me, che i miei familiari non stanno bene con me che, insomma se prendessi una controfigura non se ne accorgerebbero neppure. Io con me non ci sto malissimo, e neanche con gli altri: che ci posso fare? ma non ci sto nemmeno benissimo e sempre mi manca un pezzetto per essere contenta, che ci posso fare? e davanti ad una cosa bella sempre mi accorgo del particolare che la rende imperfetta: che ci posso fare? E ho scoperto che l’anno scorso ho sbagliato a fare la domanda di trasferimento che magari se l’avessi fatta bene non sarei stata quest’anno in quella scuolaccia che non sopporto più. Mi ricordo com’era tanto tempo fa, gli studenti che mi pare mi abbiano voluto bene e quelli di adesso invece… e mi si stringe il cuore che ci posso fare? E lo stesso stringimeno mi prende quando guardo le altre cose della mia vita e allora mi devo distrarre altrimenti mi innervosisco. E poi mi innervosisco perché mio marito fa come se non esistessi e tutti fanno come se non esistessi. E mi incazzo perché mi incazzo, invece di trovarmi un amante o di fuggire  in Australia. e sono andata a confessarmi ma si vede che i preti hanno di meglio da fare ed ora che il vecchio prete è morto non hanno più l’orario delle confessioni: non si sa quando ci si confessa… anche se lei è un prete e potrebbe farlo ora no? E vorrei fare bene mille cose invece faccio il riso freddo al pomodoro e mi viene uno schifo. E non riesco a rimettere a posto la mia camera, figurati la mia vita. E lascio che gli altri mi dicano cose che già so ma che non capisco. E rimango qui a chiedermi se la realtà la sto accettando o se sono ferma immobile di fronte ad essa perchè mi sento impotente. e se mi sento impotente come faccio a non sentirmi più così visto che l’esperienza degli ultimi dieci o dodici anni conferma questo pensiero?

E mi chiedo se i problemi non esistono e me li creo io o se i problemi ci sono e solo io li vedo. E mi hciedo come fa la gente a sopravvivere perché per me, che non ho grossi problemi, è così difficile ed arduo e cosa dura. e sono stata a chiecchierare venti minuti sotto il sole cocente davanti ad una scuola ormai vuota in un parcheggio deserto con un signore di una certa età che mi ha raccontato della sua maestra di quarta elementare, e mi ha detto il suo nome e il suo indirizzo di Roma, quello che gli aveva dato lei quando si era trasferita dalla città della Campania dove insegnava, e mi ha raccontato che camminava per chilometri per andare a scuola, anche in mezzo alla neve e quando tornava doveva zappare la terra e all’ora di cena i suoi lo chiamavano e i compiti li doveva fare ascuola mentre glieli davano perchè non aveva altro tempo ma era bravo soprattutto a matematica e sapeva la geometria, e poi mi ha detto che la vita no, non è un mistero è un dono di Dio e bisogna viverla ed io mi sono sentita cretina perché sono stata venti minuti sotto il sole a chieacchierare con un signore forse un po’ fuori di testa e perché a volte io la vita faccio fatica a volerla vivere.

http://video.libero.it/static/swf/eltvplayer.swf?id=ebe78f08acd173e24e6e9cddeb4a5eeb.flv&ap=0

Annunci

12 thoughts on “Sfogo sgrammaticato pomeridiano

  1. comprendo gli sfoghi, ne so qualcosa pure io (precario).in ogni caso la scuola (per ora di natura indefinita) è l'ultimo baluardo contro fabrizio corona e i vari imbecilli a lui isomorfi.

  2. comprendo gli sfoghi, ne so qualcosa pure io (precario).in ogni caso la scuola (per ora di natura indefinita) è l'ultimo baluardo contro fabrizio corona e i vari imbecilli a lui isomorfi.

  3. Un passo indietro e cambia compagnia . . .ragazzi demotivati, ci pensino i loro genitori! Non sarà qualche sindrome che prende i proff in vista degli esami (e/o, i proff che hanno finito l'anno scolastico e si trovano di fronte ragazzi idioti che li fanno deprimere?). davanti ad una cosa bella sempre mi accorgo del particolare che la rende imperfetta . . . non saresti una profemate . . . sono stata venti minuti sotto il sole a chiacchierare con un signore forse un po' fuori di testa e perché a volte io la vita faccio fatica a volerla vivere . . . io trovo che hai passato 20 minuti facendo del bene a quel signore, (forse un po' fuori) . . . e, guarda che, a volte, la vita facciamo fatica a volerla vivere, un po' tutti  . . . magari non lo scriviamo così, specificatamente! Il resto, un altro girono . . . il discorso è lungo, io sono cotta, 'notte, R (di cui qualcuno della famiglia dice peste e corna, ma che quando serve . . .chiamano sempre! 

  4. Un passo indietro e cambia compagnia . . .ragazzi demotivati, ci pensino i loro genitori! Non sarà qualche sindrome che prende i proff in vista degli esami (e/o, i proff che hanno finito l'anno scolastico e si trovano di fronte ragazzi idioti che li fanno deprimere?). davanti ad una cosa bella sempre mi accorgo del particolare che la rende imperfetta . . . non saresti una profemate . . . sono stata venti minuti sotto il sole a chiacchierare con un signore forse un po' fuori di testa e perché a volte io la vita faccio fatica a volerla vivere . . . io trovo che hai passato 20 minuti facendo del bene a quel signore, (forse un po' fuori) . . . e, guarda che, a volte, la vita facciamo fatica a volerla vivere, un po' tutti  . . . magari non lo scriviamo così, specificatamente! Il resto, un altro girono . . . il discorso è lungo, io sono cotta, 'notte, R (di cui qualcuno della famiglia dice peste e corna, ma che quando serve . . .chiamano sempre! 

  5. mad… allora in questa scuola pur disastrata… qualcosa che regge c'è ;Pleoncino addormentato… è proprio vero… grazie della comprensione… e soprattutto di prendermi con leggerezza :)fiore… eh sì il periodo ha la sua importanza… se fossi più vicina verrei a trovarti e mi farei passare la malinconia con una cura di olive all'ascolana 🙂

  6. mad… allora in questa scuola pur disastrata… qualcosa che regge c'è ;Pleoncino addormentato… è proprio vero… grazie della comprensione… e soprattutto di prendermi con leggerezza :)fiore… eh sì il periodo ha la sua importanza… se fossi più vicina verrei a trovarti e mi farei passare la malinconia con una cura di olive all'ascolana 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...